Una lunga ma veloce marcia verso una nuova società per mettere amorevolmente alla porta massonerie deviate, poteri forti e capitalismo finanziario, facendo fallire la deriva più inquietante della storia della umanità, ma anche gli altri progetti di riserva portati avanti da chi vuole perpetuare dominio e sopraffazione .
Realizzare per la prima volta una reale democrazia a livelllo locale diretta e ripartire da una riformulata sovranità nazionale e monetaria con nuove alleanze geopolitiche, superando le obsolete distinzioni ideologiche e creando un sistema di idee e valori del TERZO MILLENNIO. non è utopia è una necessità storica .Tutto ciò va costruito partendo dalla denuncia e destrutturazione delle metodologie e strumenti realizzati sotterraneamente, e non ripetendo litanie su obiettivi od analisi del solo "visibile" .



PAOLO FERRARO UN MAGISTRATO CHE ANDANDO OLTRE FALCONE HA SVELATO CON UN IMPIANTO DI PROVE DIRETTE APPARATI MASSONICI E FRAMASSONICO. MILITARI, STRUMENTI METODOLOGIE ED ATTIVITÀ DI ELITE COPERTE, EVERSIVE ALTRESI', E COLLEGATE ANCHE A BASAMENTI CRIMINALI TERRITORIALI.
LA GRANDEDISCOVERY UN IMPIANTO UNICO NELLA STORIA DI PROVE E IL DOVERE DI INFORMARE FORMARE E DIFFONDERE TUTTO QUESTO LAVORO ANCHE ATTRAVERSO LA DIFFUSIONE DEI SITI OFF LINE SCARICABILI SU PC AL LINK https://drive.google.com/drive/folders/0B4_ZMKes3GNlY2NCWGk3d3NteVU
E IN FACEBOOK ALL'INDIRIZZO
PAOLO FERRARO HA RESISTITO A LUSTRI DI PERSECUZIONE SCOPERTI E A VENTICINQUE ANNI DI ATTENZIONAMENTO SOTTERRANEO E DOBBIAMO DIFENDERE LUI ED IL SUO LAVORO, PER NOI E IL NOSTRO PAESE.
UNA ANALISI E RICOSTRUZIONE CHE MODIFICA PRIORITA' E LOGICHE E GENERA UN NUOVO PROGETTO AFFATTO DIVERSO DA QUANTO IN CAMPO.



CDD Canale VIDEO CONFERENZE INTERVISTE

PLAYLIST YOUTUBE  Clicca sul primo pulsante in alto a sinistra "Playlist" e scorri l'elenco dei video che si evidenzierà nella porzione sinistra della finestra 

Translate

Ascolta, leggi e valuta e condividi ovunque articolo per articolo

Archivio blog

lunedì 17 giugno 2019

IL Venusiano vesuviano e tutti gli altri. News da Paolo Ferraro

Che accade ?!
IL venusiano vesuviano e tutti gli altri



Giuseppe Cascini, il membro del CSM eletto automaticamente per accordo “consociativo” tra AREA-MD, MI e UNICOST, Il venusiano vesuviano di ricca ascendenza mercantile (pronipote di Achille Lauro) e per parte di madre di etnia infangata per le sue oscure e segrete propensioni nei fatti sioniste che lo affiliano come primo esponente ad una buona parte della cordata romana "Papè Aleppe" in quota centrale già incistata nel gruppo specializzato "reati contro l'economia" della Procura di Roma, nelle ultime importanti vicende che stanno travolgendo magistratura e CSM ha scimmiottato Paolo Ferraro, facendo "lui" pubblicamente un parallelo con le vicende P2 degli anni ottanta.
Eppure dal 2012 era Paolo Ferraro che aveva iniziato ad analizzare e scoperto se non il tutto una buona parte poi estendendo la visuale, ma ben altra analisi e aderenza al reale .. (per quanto mi riguarda il termine "nuova P2" era ed è inadeguato)



N.B: L'articolo e commento del 2012 è dell'autore del sito , giornalista professionale ,che venne a scoprire sulla fine degli anni ottanta ciò che lo ha costretto a passare in clandestinità .

Viene da un altro pianeta (altra casta) Giuseppe Cascini e crede di poter imbambolare tutti e di sfangarla così, sempre ..come da "protocollo" savio che insegna la mutagenesi ed il polimorfismo infiltrandosi anche tramite terzi apporti, per acquisire e mantenere il controllo e potere, fine ultimo della cordata, ma foriero della eliminazione anche “illegale” degli avversi e “fuori” della eliminazione di”testimoni” funzionale alla scalata supportata da componenti di apparati altri collegati.
Peccato che Cascini letteralmente "fece proprio" nel marzo 2011 l’intrigo sotterraneo nella vicenda Paolo Ferraro sfociata nella grandediscovery rivendicando a copertura il tutto :”tutto ciò che fa Stefano Pesci è fatto da me“, dopo esser stato da me sollecitato “ma che state combinando ?!” .. e tutto il resto ce lo vogliamo mettere che vede tutta la cordata incastrata a Perugia già incastrata nella grandediscovery ?! E il “ ride ben che ride l’ultimo” da lui pronunciato al cellulare da me chiamato l’11 ottobre del 2012 non ce lo vogliamo mettere?! E le riunioni nella stanza di Pesci con Palamara .. da me testimoniate per diretta visione nel 2010 e l'averne visto i rapporti stretti quando Palamara oscillava tra MD e UNICOST prima di paracadutarsi lì in concordato accordo, ce li vogliamo mettere o no ?!







1. Cosa sta emergendo
Ma cosa sta esattamente emergendo dalle indagini di Perugia sulla procura di Roma e politici e reto a venire e che ruolo ha/ha avuto la grandediscovery che ha raggiunto sistematicamente e con prove dirette tutte le sacche di legalità delle istituzioni ?! E l'intervento delle sacche di legalità delle istituzioni sta scatenando uno scontro di potere nella cordata già trasversale che dava assalto al CSM ed alla giurisdizione ?!
N.B: Quasi tutti i nominati oggi nella stampa sono “nominati” a fronte di prove ed analisi nella grandediscovery, e gli articoli allegati risalenti al 2012 e successivi ne sono la prova.

Dunque, mentre il popolo della rete (terminologia altrui e ridicola) si trastullava in osservazioni sul Monarch o sul caso individuale (mio) e non mancava negli anni passati chi negava “sputtanandosi”, è la magistratura italiana che sta scoperchiando l’intero intrigo ed attentato alla giurisdizione, che emerge negli esatti termini in cui è stato analizzato, descritto e provato per otto anni di lavoro da chi vi scrive, tranne per ora la porzione di fatti di cui era protagonista coperta una appendice deviata militare che lavorava in sintonia con la cordata più deviata dei romani magistrati in Procura, grazie agli ormai noti collegamenti di Stefano Pesci&soci. Peccato, per ora: lì la radice più profonda di una inedita scalata “eversiva” ai gangli della magistratura.






E, “chicca” per la grandediscovery, Palamara era comparso nella prima fase operativa 2006 2008 per strutturare la mission impossible …. quale longa manus di Pesci=Cascini. Palamara, proprio lui, che nell’estate 2006 e poi il 3 gennaio 2008 , mai incontrato e frequentato prima e mai più visto, rispettivamente “compariva” “casualmente” in piazza Campo dei Fiori dove ero al bar con amico e poi nella piazzetta di ghiaccio allestita per il pattinaggio in Roma nella zona dell’AUDITORIUM. Indovinate con chi stava lì Paolo Ferraro ?! Con le sue due piccole adorate figlie e con la Sabrina della Cecchignola, messagli nel frattempo sotto da Roberto Amorosi (il video DOSSIER PARTE SECONDA CONTESTUALIZZAZIONE, va ascoltato e visionato. ne vale la pena), IL controllo/testimonianza sulla efficienza attiva della “honey trap” trappola emerge evidente .. ma allora a dirla tutta consideravo Palamara esattamente come lo ha considerato pubblicamente Francesco Cossiga nel 2008, con la differenza che Cossiga sapeva bene cosa si celasse dietro la faccia di Palamara, ragionevolmente. Io no, nel 2007-2008. E Cossiga avrebbe fatto bene ad alludere almeno un pò più esplicitamente a quel che si celava, ma avrebbe toccato i piani più bassi del cemento di potere e lui non poteva.

2. Ripartiamo con ordine illustrando cosa sia emerso e cosa stia accadendo sotto un profilo istituzionale.
(la spiegazione che segue è semplificata per i non giuristi).
La giurisdizione in quanto interpretazione sistematica del diritto ed applicazione concreta, previo corretto vaglio dei fatti, costituisce il cuore dello Stato. Essa presuppone la attribuzione a funzionari particolarmente selezionati e qualificati, a ciascuno giudice monocratico o collegiale, dello jus dicere e della potestà punitiva, e con la variante a gerarchia attenuata ma rinforzatasi nei fatti, a ciascun pubblico ministero della potestà investigativa e di rinvio a giudizio (i giuristi dicono, meglio, dell’esercizio della azione penale e delle funzioni inquirenti e requirenti).
Di qui la istituzionale od eversiva esigenza di selezionare i capi delle Procure e degli uffici giudiziari, organizzare il controllo degli snodi giudiziari posizionando giudici affidabili e, se necessario, intervenire ex post sui singoli giudici. Non va dimenticato che i giudici per necessaria garanzia costituzionale sono inamovibili e la assegnazione di incarichi e ruoli a domanda insieme al principio di rotazione la fanno alla grande nel mondo giudiziario.
Dalla bivalenza ed eterogenesi dei fini la relativa abilità nell’inganno: in fondo ci si muove avendo a riferimento le stesse esigenze, cambiano il fine legale od illegale ed i metodi. E la esclusiva lettura “politico-partitica” o “correntizia” del tutto è a sua volta mero mangime per il pollaio, che le logiche e le forze sottese sono ben più amplie.
Il nostro sistema costituzionale comunque ha accentuato il ruolo di garanzia del riparto tra diversi gradi e dei rimedi impugnatori vari, e il dato pluralista e di verifica ne è connotato essenziale.
Ma anche le norme che disciplinano la competenza funzionale, cioè sottraggono la competenza ordinaria al giudice del fatto quando una delle parti sia magistrato, attribuendola al giudice del capoluogo del circondario limitrofo secondo distanza chilometrica, hanno un peso di garanzia globale del sistema molto più rilevante di quando oltre ottanta anni fa si pensava ragionando in termini di interessi e conoscenze individuali tali da alterare la terzietà pura della giurisdizione locale cui appartiene il magistrato “interessato”.
Proprio la dialettica incrociata dei controlli legali e le risorse fondamentali del nostro sistema giuridico e costituzionale.sono oggi venute in gioco, legittimando nuovamente diritto e Stato. Ma si parla solo di “delegittimazione”.
Il concetto di “sacche di legalità” quale neologismo da me coniato attiene alla circostanza ulteriore che qualsiasi modello di progressivo controllo ed infiltrazione nel nostro sistema giudiziario, circolari e periodiche le nomine, si traduce in un risiko complicato a tal punto che ... nel biennio 2018-2019 la Procura di Perugia è sfuggita alla sorte di circondario “controllato dalla cordata eversiva”.
Ciò non accadde ad esempio nel 2011 quando a Procuratore di Perugia vi era il dott. Fumu, che si rivelò in “perfetta sintonia” con la cordata in ascesa nella magistratura romana sin altri scritti abbiamo decritto il tutto a partire dall’incontro tra Fumu e Giancarlo Capaldo l’11 marzo del 2011. Ciò chiarito insieme alla circostanza che otto anni di grandediscovery e cioè di prove ed analisi hanno miratamente formato e informato, contando fermamente sui naturali anticorpi nel nostro sistema, ora è il momento di riflettere sulla portata reale di ciò che sta accadendo ed è emerso sinora.

Il golpe sub-istituzionale strisciante emerso (quale fuoriesce dalla stessa sub-informazione generalista)
Se Palamara e chi sta dietro o subito sopra, Ferri e cordata discorrendo, avessero incontrato l’intero Parlamento in tema di nomine e dossieraggi e quant’altro (trasferimenti ed eliminazione di magistrati non affidabili) avrebbero fatto una cosa rischiosa (945 persone troppo variegate) ma gravissima, in violazione del sistema costituzionale che prevede una partecipazione ridotta e selezionata di membri eletti dal Parlamento al governo della magistratura realizzato attraverso l’organo di autogoverno CSM. Per tale ragione il CSM, pensato dal costituente per assicurare autonomia indipendenza ed efficienza del potere giudiziario. è composto per due terzi da magistrati di merito e legittimità eletti nella magistratura più, quali membri di diritto pro tempore, il Presidente della Cassazione ed il procuratore Generale della Cassazione in carica e presieduto dal Presidente della Repubblica.
Gli eventi perugini svelano la importanza del mantenere indipendente la magistratura e qualsiasi balzana idea di maggior controllo politico si muove nella direzione avversata dal costituente (la medicina, peggior del male). Oggi è il trionfo della idea costituente, ma la stampa ufficiale non lo dice. Qualche commentatore la butta seccamente sul mero “scontro di potere” il che, non dicendo quali poteri quali dinamiche e quali soggetti, equivale a lavarsene le mani, mediante una dietrologia qualunquista. Ma persino Pasquino resuscitato sarebbe più attento e concreto, oggi.
Il controllo della magistratura, già tentato organicamente ai tempi della originaria P2, oggi emerso in termini di strategie percorse assai più complesse ed allarmanti, è ben altro che “il cordatismo” interno e nulla c’entra con l’associazionismo ideale: è frutto di strategie di occupazione di gangli fondamentali in funzione di esigenze che vanno ben oltre il carrierismo puto, che pur esiste come substrato utilizzabile. Quel che viene accertandosi nasce anche da fuori e mira a piegare lo snodo del potere giudiziario, per esigenze varie ma comunque per la esigenza di piegare e controllare il più possibile la indomita indipendenza della magistratura nostrana, che da nuova prova di sé oggi, come ho auspicato con molteplici appelli da otto anni, pubblicamente.
Bene. I nostri magistrati eversivi hanno incontrato non il Parlamento ma soggetto/i politici non certo muniti di procura parlamentare o di partito, cooptati si direbbe, ma espressivi già solo perciò di un cemento di potere segreto. Non a caso la segretezza degli incontri e non a caso la difficoltà storica di far emergere questo coperto cemento trasversale di potere nascosto (altri lo chiamavano “occulto” o lo chiamavano”forte”).
Ma si sa, le indagini su associazioni eversive a delinquere, vieppiù qualora si avvalgano anche di metodi di stampo mafioso, non sono così facili specie e vadano allargate a centri di potere estremamente solidi e pericolosi.
Va infine detto senza infingimenti, che ex ante appare evidente l’interesse sovranazionale e segnatamente di alcune essenziali componenti militari e segrete statunitensi ed anglosassoni ad una vicenda di progressiva infiltrazione e controllo, oltre le banali esigenze della amplia componente corrotta nella politica nostrana e in quota ormai di pubblico. dominio, della magistratura. Ma la corruzione economica (o dei favori anche sessuali) è strumento, e una sola delle componenti del fenomeno, e anche in questo caso conta chi corrompe come e per quali fini generali o particolari.
Semmai ce ne fosse bisogno oggi (ex post rispetto alla fase di avvio delle indagini perugine che stanno scuotendo lo Stato piuttosto che i soli magistrati ed il CSM, dopo otto anni di grandediscovery a suo modo “preparatoria”), le ascendenze ed appartenenze di profumo transoceanico di Cosimo Ferri figlio del più noto parlamentare del PSDI, e le radical sionista dello, strettamente collegato a Ferri, Giuseppe Corasaniti (oggi a capo del dipartimento del MG con un ministro “five stars”) e l’espandersi delle cordata verso i lidi ex migliorasti ben presenti in AREA-MD ed UNICOST, svelano fenomenicamente la natura del cemento trasversale che va emergendo nelle indagini.




Tutti già coinvolti in prima persona nella gestione antecedente o successiva del CASO PAOLO FERRARO … e tutti vagliati con supporto di prove dirette. Solo che ce ne è voluta per far capire che il CASO era la chiave di volta e ben altro, di più generale.
Ma non è finita: perché sotto ciò che appare oggi vi è il ben di ... ulteriore che abbiamo in quota trattato con prove dirette per otto anni interi.
Di qui il “tentativo” di smarcarsi di Giuseppe Cascini e della stessa cordata più a lui strettamente connessa, la “indignazione” di Stefano Erbani magistrato comunque in storico certo collegamento con Cascini e posizionato nella organizzazione della Presidenza della Repubblica,
Di qui il cupo silenzio di Stefano Pesci e di altri.
Di qui l’ultimo disperato tentativo del 30 novembre 2018 di eliminare chi vi scrive, mediante la ignominiosa iniziativa volta (incredibili dictu) a farmi dichiarare incapace di. Intendere e volere. Ma Paolo Auriemma e Giuseppe Corasaniti presenti dentro e fuori dell’aula, quel giorno, erano letteralmente preoccupati proprio di quello che in extremis si ordiva: loro sapevano delle indagini a Perugia, io NO.



IL SISTEMA DI PROVE SULLA INTEGRALE FALSIFICAZIONE UTILIZZATA PER LA ILLEGALE DISPENSA PER FANTOMATICA INETTITUDINE DI PAOLO FERRARO

Crollano, tassello per tassello.
Oggi altri tasselli “giudiziari” minori in un sistema di contro potere, che qualcuno impudicamente tenta di banalizzare “si era da tempo fatto così”, si vanno autoeliminando e dimettendo e Palamara “parla”.
La componente esoterico militar infiltrata attraverso Pesci nell’epicentro romano si va sfaidando e mi giunge voce che il generale Marchetti, referente primario, anziano, sarebbe deceduto di recente, ma non ho conferme, Ma alla azione sfociata nella mission impossible contro Paolo Ferraro, in posizione di supervisore occasionale emerge anche proprio Palamara e ,ad esser precisi, emergono anche Roberto Amorosi e Giacinto Bisogni, magistrato “pariolino” della MD migliorista, comparso nella area di sosta auto-grill prima della autostrada A1 quando con la Sabrina della Cecchignola, messami sotto da Roberto Amorosi, ero in partenza per recarmi nell’ottobre 2007 a ricevere in Toscana premiazione del MEMORIAL Gian Paolo Bardelli, lo stesso Bisogni che già monitorava ai tempi in cui mi misero sotto Silvia Canali. Tutto gestito/monitorato con le modalità loro, folli, del “casus” pilotato nella insipienza del destinatario.
Gli intrecci che emergono dalle parallele indagini di Messina, che estendono il quadro, confermano che proprio il basamento complesso di un cemento di potere trasversale e di collusioni e depistaggi e ben altre attività, viene ad esser per ora inizialmente estirpato venendone messo, comprese le prime radici, sul palco della informazione pubblica. La informazione non ce la fa a depistare e basta solo interpretare anche solo i dati resi pubblici. Di qui, a fronte della esigenza, il mio minuscolo presente contributo.
Non so.
Non so se tutto verrà ricostruito ed indagato, ma ricordo a tutti che nel 2012 mentre stavo subendo l’attacco distruttivo ordito, a due passi dalla mia artefatta dispensa per fantomatica inettitudine, resa criminalmente possibile dal governo sotterraneo condiviso dell’organo di autogoverno della magistratura, ebbi la forza o l’intuito di scrivere due articoli oggi un poco illuminanti.
In uno descrivevo, anche “immaginificamente” il processo dinamico in atto da quasi un ventennio, e descriveo le metodiche di infiltrazione e controllo funzionali ad un colpo di stato silente (Edward Lurwack), mentre descrivevo la cordata romana “Papè Alèppe” e nell'altro formulavo sulla scorta d quello che era accaduto ed avevo appreso una prima bozza (“autoironica” ma non troppo) di contestazione del reato di associazione per delinquere ex art. 416 bis cpp. Li allego i due articoli, chiedendo venia per la loro -di allora- relativa “astrattezza”: chissà che non vengano utili oggi concretamente alle sacche di legalità nelle istituzioni che danno segno di vitalità vera. A Perugia, a mio avviso, servono, come titolo “ideale” per aprire la visuale meglio, ammesso ch ne abbiano bisogno.
E nell’epoca in cui convergono le scoperte che legano in un filo sottile il caso Moro, le stragi di Roma e. Palermo , e la ridda di infiltrazioni e depistaggi coinvolgendo corpi separati e la magistratura deviata stessa (era ora!) , auspico che un CASO passe-partout “minore” per la natura pur gravissima dei fatti, ma enorme per le attività disvelate e le chiavi di volta apprese, già chiaro, e fornito di tutte le prove, venga affrontato e risolto da un nuovo CSM indipendente o dal Consiglio di Stato ... magari indipendente.
E’ finita la mia solitudine intellettuale, cari magistrati fedeli al ruolo ed alla Costituzione: siete la stragrande maggioranza, sapete quasi tutto e non vi possono più imbambolare con metodiche pettegole e depistaggi.
Fatemi scherzare un istante. Non si merita Paolo Ferraro una azione di legalità semplice e lineare dopo otto anni di grandediscovery irta di prove dirette e non chiacchiere, che ha anticipato eventi e prove, sul suo scelto ”sacrificio” personale ?!


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

DOSSIER PARTE PRIMA I FATTI SCOPERCHIATI CON PROVE DIRETTE DA PAOLO FERRARO GRANDEDISCOVERY 1, 2 e 3 IN ATTESA DI VIA POMA  PROVE DIRETTE e VIDEO INTERVISTA







DOSSIER PARTE SECONDA LA CONTESTUALIZZAZIONE DELLA GRANDEDISCOVERY 1 e 2 e 3. LE STAGIONI EVERSIVE.  
VIDEO INTERVISTA CONTESTUALIZZAZIONI e prove dirette. *CONSIGLIATO* https://www.facebook.com/PAOLOMAG/videos/2157634027663904/





DOSSIER PARTE TERZA GRANDEDISCOVERY VIOLENTE REAZIONI, STRATEGIE, PISTA PARA-ISTITUZIONALE E PSICHIATRICA E PROVE INSORMONTABILI SULLA FALSIFICAZIONE DEL TUTTO www.facebook.com/PAOLOMAG/videos/2229618777132095/







§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Al Procuratore di Roma cons. Giuseppe Pignatone

8 gennaio 2019


OGGETTO. UN DOSSIER ARTEFATTO CHE VIAGGIA SOTTO TRACCIA O PER MILLANTERIA. Ora intervengano Stato e magistratura.







Palamara, longa manus nel Csm: tangenti per nomine e dossieraggi sui pm “nemici”



cid:UGFsYW1hcmFNQksuanBlZw$763035$111565@libero



§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

VIA POMA La grandediscovery 0





§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§ù§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


LA VERSIONE “S2 1000 G. F. DEL DVD-ISO
“IL FILO DEL MAGISTRATO ED IL LABIRINTO SENZA PIU’ SEGRETI”
Quattro Giga e sette di prove dirette

aggiornata al maggio. 2019 innovata e revisionata compatibile con tutte le piattaforme informatiche su pc, viene distribuita gratuitamente da ilfilodelmagistrato SU ilfilodelmagistrato.altervista.org/dvd-iso-1000-2-il-filo-del-magistrato/






mettendo a disposizioneTRE CARTELLE DEFINITIVE PER DOWNLOADS DVD-ISO su MEGA 
Cartella con video selezionati siti OFF LINR e DVD su MEGA


e SETTE CARTELLE DEFINITIVE PER DOWNLOAD DVD su MEDIAFIRE 


Cartella con video selezionati siti OFF LINE e DVD su MEDIAFIRE




1000. Con le novità generali il nuovo sollecito Istanza riammissione in servizio del magistrato dott. Paolo Ferraro previa revisione/revoca in regime di autotutela del provvedimento di dispensa comminato,



N.B. Via mail ordinaria non è possibile allegare il video audio ALL 3 A che è reperibile in rete tra l'altro al link   https://youtu.be/zMhY0Bo3tM8 



AL Presidente della Repubblica e Presidente del CSM  S.E. Sergio Mattarella

Suo recapito presso il CSM protocollo.csm@giustiziacert.it e posta PEC Segretariato Generale della Presidenza della Repubblica



AL Vice Presidente del CSM

David Ermini





Al Primo Presidente della Corte di Cassazione

Pres.te Giovanni Mammone 




Al Proc. Generale presso la Corte di Cassazione Pres.te Riccardo Fuzio




Ai consiglieri membri del CSM




Piercamillo Davigo

Alberto Maria Benedetti

Alessandra Dal Moro

Alessio Lanzi

Concetta A.R. Grillo

Emanuele Basile

Filippo Donati
Fulvio Gigliotti
Gianluigi Morlini
Giovanni Zaccaro
Loredana Miccichè
Marco Mancinetti
Mario Suriano
Michele Cerabona
Michele Ciambellini
Paola Maria Braggion
Sebastiano Ardita
Stefano Cavanna






















  • E p.c. AL MINISTRO DI GIUSTIZIA dott. Alfonso Bonafede
TRAMITE CAPO DI GABINETTO  capo.gabinetto@giustiziacert.it


OGGETTO. Nuovo sollecito Istanza riammissione in servizio del magistrato dott. Paolo Ferraro previa revisione/revoca del provvedimento di dispensa comminato,  in attuale pendenza per il merito del ricorso dinanzi al Consiglio di Stato,   e richiesta di intervento istituzionale sui fatti emersi, con apertura di pratica a tutela della magistratura e della sua effettiva indipendenza.

La istanza di revoca in regime di autotutela già sollecitata, nel'incipit indicava
“ Il magistrato Paolo Ferraro è stato dispensato dal servizio per una simulata artefatta e incredibile a “bersi” non-patologia,  dopo aver subito un sequestro di persona per aver scoperto mediante registrazioni audio di pubblico dominio, attività deviate destinata ad eliminarlo od incastrarlo od iirretirlo e affiliarlo, da parte di un apparato trasversale a supporto  militare plausibilmente  infiltrato in ed in contatto con una infinitesimale quota nella stessa magistratura capitolina. “

Allego alla presente:
  1. via PEC copia di esposto in data 8 gennaio 2019 al Procuratore di Roma -depositato e trasmesso via raccomandata- su dossieraggio e falso dossier (in formato pdf);
  2. via PEC copia del ricorso ancora pendente per il merito al Consiglio di Stato (in formato pdf);
  3. via PEC video audio di registrazione tra presenti relativo allla soppressione di test e falso ideologico circa la perizia a suo tempo espletata dal perito dott. Tonino Cantelmi, parere/consulenza dello psichiatra dott. Marco Vannucci e trascrizione del detto audio (documenti in formato pdf);
  4. per consegna diretta al protocollo di codesto on.le CSM, nella edizione stampata ferma al dicembre 2018 ed aggiornabile mediante scarico in rete nella versione aggiornata al maggio 2019, DVD in n. copie pari ai membri CSM in indirizzo, con sistema multimediale incorporato contenente a) prove video audio dirette e loro contestualizzazione, su quanto da me personalmente accertato sui fatti/antefatti che hanno dato origine alle note vicende, b) ricostruzione dettagliata di tutte le vicende susseguenti sul piano fattuale amministrativo e documentale, con allegazione di tutte le prove dirette e documentali circa una vicenda di clamorosa falsificazione e manipolazione integrale con fasi esecutive “anche” penalmente qualificande.
Non enumero ed elenco per allegazione separata altresì tutta la documentazione già contenuta nel DVD che rivela e dimostra inequivocamente fatti e prove tutte di pubblico dominio con rinvio linkato a banche dati appositamente costituite, rimettendomi in questo delicato momento alla sensibilità e capacità di analisi e riflessione istituzionale di codesto autorevole organo, consapevole che le mie analisi parzialmente “scimmiottate“ oggi, risalgono al 2011 e sono state sviluppate sino a ieri.
Allego via PEC (5) solo, ulteriormente, brevissimo video audio che rivela la effettuazione di una vera e propria operazione ad esecuzione militare e da parte di militari identificabili nel novembre 2009.

Auspico che il nuovo necessario corso di codesto CSM parta nelle more dal ripristino della legalità e giustizia in un caso che pesa sulla coscienza istituzionale dal 6 febbraio 2013, giorno della (n.d.r. efficacia della) mia dispensa per "fantomatica" inettitudine.
Con osservanza.
Roma 5 giugno 2019

Paolo Ferraro


ALL.TI A MANO
N. 22 DVD
§§§§§§§§§§§§

IN ALLEGATO MAIL 4 ARTICOLI formato html E L'INTERO SISTEMA INFORMATIVO OFF LINE GRANDEDISCOVERY.IT  in formato .zip aggiornato al maggio 2019 (si scompatta e si clicca su index.html nella directory creata sul pc). 

Aggiornamenti ulteriori oltre il dvd su  file ISO (al maggio 2019) scaricabile in rete (vedi in fine mail). Quattro GIGA e sette di prove dirette contestualizzate e documenti 

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


Al Procuratore di Roma cons. Giuseppe Pignatone - 8 gennaio 2019
OGGETTO. UN DOSSIER ARTEFATTO CHE VIAGGIA SOTTO TRACCIA O PER MILLANTERIA. Ora intervengano Stato e magistratura.




Palamara, longa manus nel Csm: tangenti per nomine e dossieraggi sui pm “nemici”




"Palamara, classe 1969, è il presidente della potente Associazione nazionale magistrati e spesso parla in coppia con il segretario dell'Anm, Giuseppe Cascini. Cascini appartiene all'ala sinistra della corrente di sinistra dei giudici italiani, Magistratura democratica, Palamara invece è targato Unicost, il grande contenitore moderato, ma questo elemento non è sufficiente a chiarirne la collocazione: la verità è che anche lui viene da Md e sta nell'area progressista della corrente, difficilmente distinguibile da Md,"


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

DOSSIER PARTE PRIMA I FATTI SCOPERCHIATI CON PROVE DIRETTE DA PAOLO FERRARO GRANDEDISCOVERY 1, 2 e 3 IN ATTESA DI VIA POMA   PROVE DIRETTE e VIDEO INTERVISTA

 


DOSSIER PARTE SECONDA  LA CONTESTUALIZZAZIONE DELLA GRANDEDISCOVERY 1 e 2 e 3. LE STAGIONI EVERSIVE.  
VIDEO INTERVISTA CONTESTUALIZZAZIONI e prove dirette. *CONSIGLIATO* https://www.facebook.com/PAOLOMAG/videos/2157634027663904/




DOSSIER PARTE TERZA  GRANDEDISCOVERY VIOLENTE REAZIONI, STRATEGIE, PISTA PARA-ISTITUZIONALE E  PSICHIATRICA E PROVE INSORMONTABILI SULLA FALSIFICAZIONE DEL TUTTO <<www.facebook.com/PAOLOMAG/videos/2229618777132095/ 2>>


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Al Procuratore di Roma cons. Giuseppe Pignatone - 8 gennaio 2019
OGGETTO. UN DOSSIER ARTEFATTO CHE VIAGGIA SOTTO TRACCIA O PER MILLANTERIA. Ora intervengano Stato e magistratura.




Palamara, longa manus nel Csm: tangenti per nomine e dossieraggi sui pm “nemici”




"Palamara, classe 1969, è il presidente della potente Associazione nazionale magistrati e spesso parla in coppia con il segretario dell'Anm, Giuseppe Cascini. Cascini appartiene all'ala sinistra della corrente di sinistra dei giudici italiani, Magistratura democratica, Palamara invece è targato Unicost, il grande contenitore moderato, ma questo elemento non è sufficiente a chiarirne la collocazione: la verità è che anche lui viene da Md e sta nell'area progressista della corrente, difficilmente distinguibile da Md,"




§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

VIA POMA La grandediscovery 0 
www.grandediscovery.it/via-poma-parte-prima-e-parte-seconda/

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

LA VERSIONE “S2 1000 G. F. DEL DVD-ISO 
“IL FILO DEL MAGISTRATO ED IL LABIRINTO SENZA PIU’ SEGRETI”

aggiornata al maggio 2019, innovata e revisionata compatibile con tutte le piattaforme informatiche su pc, viene distribuita gratuitamente da ilfilodelmagistrato SU
ilfilodelmagistrato.altervista.org/dvd-iso-1000-2-il-filo-del-magistrato/


mettendo a disposizione TRE CARTELLE DEFINITIVE PER DOWNLOADS DVD-ISO su MEGA 
Cartella con video selezionati siti OFF LINR e DVD su MEGA

e SETTE CARTELLE DEFINITIVE PER DOWNLOAD DVD su MEDIAFIRE 

Cartella con video selezionati siti OFF LINE e DVD su MEDIAFIRE












Oggi presso Italia


IL PAESE DEVE SAPERE ..






CLICCA SUI SINGOLI TASTI DI CONDIVIONE PER OGNI ARTICOLO NEL POST O SU SCOOP, OPPURE SUL TASTO "SHARE" ACCANTO, NELLA COLONNA DESTRA DEL BLOG, CHE CONSENTE DI CONDIVIDERE SU 19 NETWORK A TUA SCELTA L'INTERO POST DEL BLOG.

PUOI ANCHE COPIARE L'INTERO POST ED INCOLLALO SU MAIL ED INVIARLO COI TUOI INDIRIZZI E A TUTTI GLI INDIRIZZI CHE TROVI UTILI.


ORA E' IL MOMENTO DI DIFFONDERE TRA TUTTI:


IL PAESE DEVE SAPERE ..


BISOGNA FAR SAPERE AGLI ITALIANI


http://diffusionecdd.blogspot.it/2015/09/diffusione.html






SCOOP LA GRANDE DISCOVERY SU

SCOOP ED FB

IN 63 ARTICOLI E MILLE PROVE






SCOOP ALTRI CANALI


















COMUNQUE SIETE ORA SUFFICIENTEMENTE MATURI ED INFORMATI PER INIZIARE A LEGGERE ED "ASCOLTARE" IN MODO ATTENTO COMPLETO E CONSAPEVOLE:

IL MEMORIALE DEL 7 MARZO 2011


IL DOCUMENTO SU PISTA FAMILIARE E USO ETERODOSSO DEL DIVORZIO ( e allegati )

LE PROVE AUDIO della CECCHIGNOLA e relative contestualizzazioni

GLI ESPOSTI DENUNCIA MEMORIE AL CSM CHE SMASCHERAVANO GIA’ NEL 2012 LA MANOVRA CRIMINALE SOTTESA E LA IDENTITA' DI QUESTO PERICOLSO APPARATO DEVIATO

LA LETTERA DI NON DIMISSIONI ( l’opposto di ciò che hanno fatto i tanti magistrati martirizzati in silenzio dall’apparato deviato )

ORA POTETE SINO IN FONDO CAPIRE DA SOLI QUALE FOSSE LA POSTA IN GIOCO:

PERCHE’ DOVEVA ESSERE DISTRUTTO IL MAGISTRATO PAOLO FERRARO

PERCHE’ OPERARONO DI CORSA IN CONTRO TEMPO PER TENTARE DI ARGINARE LA INFORMAZIONE E DENUNCIA PUBBLICA CHE AVREI SVILUPPATO E CON QUALE ARCHITETTURA CRIMINALE SI MOSSERO

QUALE DISEGNO E GESTIONE DEL REALE POTERE DOVESSERO DISPERATAMENTE NASCONDERE

SE VI FOSSERO IN GIOCO E QUALI COMPONENTI DEVIATE ( E COME OPERASSERO )

COSA TEMEVANO CHE POTESSE ANCHE EMERGERE

COME ABBIANO OPERATO NEL SILENZIO

COME ABBIANO ATTIVATO LA FINTA CONTROINFORMAZIONE CHE COSTRUIVA IL MITO DI PSEUDO ASSOCIAZIONI CHE COPRIVANO POTERI REALI

E PERCHE’ SOLO PAOLO FERRARO POTEVA ARDIRE E DENUNCIARE RICOSTRUENDO TUTTO E CONTESTUALIZZANDO TUTTO ( SENZA IL TESTIMONE CHE CONTESTUALIZZA LE PROVE OGGETTIVE NON ESISTONO E NON HANNO UN LORO AUTONOMO SENSO COMUNQUE )

COME SIANO ARRIVATI A COMPIERE L’ERRORE MADORNALE DI METTERE IN MANO AL MAGISTRATO PAOLO FERRARO LA PROVA CERTA OBIETTIVA ED INDELEBILE DELLE MANOVRE FATTE E REATI CONNNESSI IN UN CASO EMBLEMATICO

CON QUANTA VOLGARE SICUMERA E VIOLENZA ABBIANO TENTATO DI ARGINARE LA INFORMAZIONE ANCHE A LIVELLO DI CONTROINFORMATORI DI REGIME ATTRAVERSO QUELLO CHE ORMAI IN MOLTI CHIAMANOIL "PROTOCOLLO PETTEGOLO“ ( Derisoriamente)

QUANTA INTELLIGENZA E SENSIBITA’ INTELLETTUALE IMMISERO NEI LORO DUE STUPENDI SCRITTI LUCIANO GAROFOLI ED ENRICA PERRUCCHIETTI QUANDO ANCORA STAVO CENTELLINANDO PROVE ED ANALISI



QUANTO SENSIBILE IMPEGNO SIA STATO MESSO DAI MIGLIORI DI VOI ( per ora ) AVENDO CAPITO BENE E STUDIATO …

PERCHE PAOLO FERRARO ERA ED E’ AMATO E STIMATO DALLA POLIZIA GIUDIZIARIA E DAI MIGLIORI MAGISTRATI NON CRIMINALI E DEVIATI

ORA AVETE INFINE quindi DAVANTI, ED ATTRAVERSO ME E LE VICENDE A ME COLLEGATE, UNO SPACCATO CRIMINALE DI POTERI DEVIATI CHE APRE LE PORTE A TUTTO QUELLO CHE DI CERTO ED INDICIBILE ABBIAMO INDICATO E ANALIZZATO COME DIRETTI TESTIMONI.

UN ORDITO CRIMINALE PLURIENNALE :
IL CASO FERRARO I SILENZI COLPEVOLI O CRIMINALI

UN BEL GUAZZABUGLIO INTERAMENTE DISTRICATO

RITROVANDO NOTIZIE PREZIOSE SULLA INDAGINE FIORI NEL FANGO

IL RUOLO CRIMINALE E MALATO GIOCATO DA UNA FETTA DI MAGISTRATI DEVIATI DELLA PROCURA DI ROMA CHE AVEVA TUTTO DA PERDERE SE FOSSE USCITO FUORI QUELLO CHE AVEVANO COMBINATO , A PARTIRE DA PAOLO FERRARO

E qui un ringraziamento non alla rosa ma alla Margherita ...

Le accurate analisi e conferenze sul TAVISTOCK .... hanno conferito peso e spessore storico documentale al tutto e si trovano in tutti i blog del CDD e nei canali ... video ..
  • http://paoloferrarocdd.blogspot.com/2013/07/tavistock-psichiatria-deviata-profili.html
  • http://paoloferrarocdd.blogspot.com/2014/04/non-era-basaglia-e-il-progetto-tavistock.html
Qui ad esempio una breve sintesi che dopo aver ripercorso il tutto consente di entrare nella descrizione di una esperienza visibile ..e percepibile ( almeno nei miei intendimenti)
Le singole denunce e prove più concrete ed esplosive pubblicate tra gennaio e Aprile 2014 chiudono poi il quadro ... e costituiscono almeno in un caso eclatante LA PRIMA OGGETTIVATA ED INSUPERABILE PROVA DELLLA ESISTENZA DI UN APPARATO NAZI.KOMM e DI METODOLOGIE TAVISTOCK applicate da apparati con collaborazioni interrelazioni necessarie, a danno di un MAGISTRATO e per fini di destabilizzazione programmati .. ( e falliti, salvo costituire alibi per eliminarlo dalla magistratura)
Ma le prove dirette circa interrelazioni tra mondi esoterico deviati di elite ed elite militari vengono direttamente dalla versione di UNA diretta persona interessata a vicende e con un ruolo segnificativo quantomeno come donna e moglie di generale dell'esercito
E la integrale ennesima contestualizzazione dei dati della Cecchignoa segue una completa ricostruzione fatte in altri post di tutto tutto ma proprio tutto il ricostruibile oggettivamente con metodo e dati verificabili
La conferma ennesima della sottoposizone di uno dei migliori magistrati a metodologie TAVISTOCK per oltre venti anni , viene poi da un altro, direttamente, od indirettamente comunque, informato soggetto
E ovviamente non si parla di "FAntozzi" nel nostro caso : E' il TAVISTOCK project o suoi moduli ed i protocolli e modelli realizzati per attenzionare accerchiare ee distruggere persone e rappresentanti di elite e introdurre il modulo del"basso livello " e del "basso profilo" a copertura utiizzato proprio da appartenenti e rappresentanti dell'apparato .
Sicchè oggi possiamo dire per integralmente messa al nudo tra l'altro non solo la SUPERGLADIO ma anche oltre il TAVISTOCK INSTITUTE , method and project, a nudo tutta LA CORDATA “PAPE' … ALEPPE “ E IL CONTROLLO DI LEGALITA' INVERTITO DELLA ECONOMIA, DELLA INFORMAZIONE , DELLA SOCIETA' E DELLA FAMIGLIA sui vari piani a partire da quello giudiziario per poi passare per quello sociopsichiatrico strettamente collegato. http://paoloferrarocdd.blogspot.it/2012/11/7-la-cordata-pape-aleppe-e-il-controllo.html http://paoloferrarotrumanshowstory.webnode.it/news/la-magistratura-e-il-cavallo-di-troia-/
ma anche tutte le vidende del progetto , le articolazioni sociopolitiche, le caratteristiche di elite soprattutto militare e psichiatrico giudiziatia dell'apparato portante
e ve ne sarebbero di altri profili .... tutti perfettamente rintracciabili e vagliabili nel corpo del sistema informativo del CDD .....e comunque vanno qui di seguito segnalati i sei link ai sei articoli e clamorosi videoaudio inediti che hanno chiuso (per ora) il sistema di prove pubblicate al novembre 2014, aprendo se possibile nuovi e più dettagliati scenari illustrati nel settimo articolo.

PETIZIONE CASO FERRARO LEGALITA' MAGISTRATURA CENTRI DI POTERE DEVIATI

https://www.change.org/it/petizioni/sig-ministro-di-giustizia-il-magistrato-paolo-ferraro-torni-a-fare-il-magistrato

IL MAGISTRATO PAOLO FERRARO TORNI A FARE IL MAGISTRATO!

Le istituzioni non si debbono privare di un magistrato indipendente e professionale, colpito con strumenti subdoli ed artificialmente costruiti per aver denunciato fatti che coinvolgono élites ed apparati deviati, quando tutto il Paese ne ha avuto le prove.

https://www.evernote.com/shard/s207/sh/5e23c80e-b9a2-4e57-a91e-e77faa00fa8e/8fdb42da779ee8b922073db7d68dba4